Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Lista DCI Filosofia e Policy - Gennaio 2007
Articolo del 30-1-2007 a cura di Tessitori Riccardo
Tessitori Riccardo

Lista DCI – Gennaio 2007 Filosofia Questi articoli sotto riportati sono un riassunto dell’attività che appare nella mailing list internazionale dei judge nel mese di gennaio 2007. Questo documento riassume i casi riportati e le relative discussioni/soluzioni dei NetRep ufficiali DCI, con eventuali adattamenti alla realtà torneistica italiana. Nota importante: queste discussioni si basano sulle vecchie Penalty Guidelines. Composizione dei Pod nei booster draft e vincoli durante tornei in questo formato: La DCI raccomanda che per tornei booster draft vengano usati tavoli di queste dimensioni in funzione del numero dei partecipanti: 0-11: 1 Pod 12: 6-6 13: 6-7 14: 6-8 15: 7-8 16: 8-8 17: 8-9 18: 8-10 19: 9-10 20: 10-10 21: 10-11 22: 6-8-8 23: 7-8-8 24: 8-8-8 25: 8-8-9 26: 8-8-10 27: 8-9-10 28: 8-10-10 29: 9-10-10 30: 6-8-8-8 Per quanto riguarda gli accoppiamenti sebbene sia raccomandato che i giocatori siano accoppiati con giocatori dello stesso tavolo (Pod) nulla vieta che l’organizzatore decida di accoppiarli in modo diverso (ad esempio seguendo una svizzera normale oppure accoppiandoli per tavolo nei primi 3 turni per poi passare a una svizzera normale nei turni successivi). Non esiste nemmeno un divieto nel creare tavoli di dimensione diversa da quella sopra raccomandata. Infine è facoltà dell’organizzatore decidere quanti draft si giocheranno all’interno del torneo (nei tornei locali di norma si drafta 1 volta sola). L’importante è che le decisioni vengano prese prima dell’inizio del torneo e che gli accoppiamenti come anche la disposizione dei giocatori nei vari pod avvenga in modo casuale. Non sono consentiti accoppiamenti “Pilotati” che possono portare a invalidare il torneo e a sospensioni dei soggetti interessati. (mailing list internazionale 05/01/2007) Giocatore malato ad un torneo ufficiale di carattere locale. Come comportarsi se un giocatore durante un torneo ufficiale manifesta ripetuti attacchi di qualsiasi genere (ad esempio, come nel caso riportato sulla mailing list internazionale: ripetute e continue richieste di andare in bagno) e nonostante le sua continue crisi non intende assolutamente abbandonare il torneo né richiedere l’assistenza medica? R: Ai tornei ufficiali DCI, sebbene sia doveroso avere comprensione per un giocatore malato, è altrettanto importante non ritardare eccessivamente il torneo. Se le crisi si manifestano un numero accettabile di volte e per una durata non troppo prolungata è consigliabile consentire al giocatore di riprendersi accordandogli un’estensione del tempo per ogni volta che manifesta la crisi. Se tali estensioni causano un ritardo inaccettabile all’evento non resta altra scelta che applicare la penalità per ritardo e, qualora si ritenga che il giocatore non sia in grado di proseguire il torneo senza causare forti ritardi per tutti i giocatori, dropparlo. Sebbene sia importante per un arbitro assistere i giocatori e andare incontro alle loro particolari esigenze, quando possibile, se tali esigenze causano un grave ritardo all’evento non è giusto nei confronti di tutti gli altri partecipanti che un solo individuo condizioni pesantemente anche gli incontri di tutti gli altri. La decisione di quando è accettabile e quando non lo è più spetta all’HJ del torneo, tenuto conto del tipo di evento, del numero di partecipanti, del REL e di altri fattori quali la disponibilità della sala per poter terminare l’evento nonostante il ritardo. (mailing list internazionale 06/01/2007) Ruling errato Ad un evento un judge viene chiamato al tavolo e dà un ruling sbagliato. La decisione non viene appellata. Cosa succede se il giocatore che trae vantaggio dell’errore dell’arbitro è cosciente del fatto che tale ruling è sbagliato? Può uno spettatore o un giocatore far notare la cosa ai giocatori o invitarli ad appellarsi all’head judge? R: un ruling può essere appellato da uno qualunque dei due giocatori, sia chi ne trae vantaggio, sia chi ne riceve un danno. Nessuno è tenuto ad appellare un ruling anche se crede che sia sbagliato. Pertanto non appellare un ruling sbagliato perché è a proprio vantaggio, per quanto eticamente discutibile, non è illegale. Gli spettatori, siano essi spettatori veri e propri o giocatori vicini di tavolo, non possono interferire in nessun modo con il match in corso nemmeno invitando i giocatori ad appellare la decisione all’HJ. Possono invece contattare un judge per segnalargli che ritengono di aver assistito ad un ruling sbagliato e possono richiedere che l’HJ sia informato di ciò. (mailing list internazionale 10/01/2007) Nuove Penalty Guidelines e DCI Reporter V3 Entro il Pro Tour Ginevra (prima metà di febbraio) verranno pubblicate le nuove Penalty Guidelines. Successivamente verrà aggiornato il DCI Reporter, per poter applicare a pieno le nuove penalità. Chi utilizza la versione 2 del DCI Reporter non potrà seguire il 100% delle nuove Penalty Guidelines. (mailing list internazionale 13/01/2007) Tentare di appellare l’Head Judge Due giocatori ricevono un ruling dall’HJ di un torneo. Visto che non sono soddisfatti della sua decisione dopo poco chiamano un altro judge al tavolo e gli pongono la stessa situazione ottenendo una risposta differente. Cosa succede? R: la decisione dell’HJ è inappellabile. Indipendentemente dal fatto che l’HJ fosse o meno nel giusto e indipendentemente dal fatto che il judge abbia dato un ruling differente o meno da quello dell’HJ (o che non ne abbia dato uno perché ad esempio era a conoscenza del fatto che tale questione era già stata decisa dall’HJ) i giocatori si sono resi colpevoli di Condotta antisportiva minore che prevede un’Ammonizione (questo se si assume che i giocatori abbiano chiamato l’altro arbitro per continuare ad arguire sul ruling ricevuto). Qualora invece i giocatori abbiano intenzionalmente tentato di aggirare il ruling avuto dall’HJ e abbiano tentato di “escludere l’HJ” nella speranza di avere un ruling diverso da un altro judge si sono invece resi colpevoli di Barare e dovranno pertanto essere squalificati per aver mentito sul reale stato dei fatti. Le penalità sono da applicare anche nel caso in cui l’HJ si renda conto di aver commesso un errore e decida di cambiare la sua decisione. (mailing list internazionale 23/01/2007) Modifica delle regole Two-Headed Giant Sono state modificate delle norme che regolano le partite nel formato 2HG. Nello specifico è cambiato che: 1 I mulligan devono essere risolti singolarmente da ogni giocatore fino all’accettazione della propria mano. Prima tutti quelli del team attivo, poi quelli del team non attivo. I mulligan dei due compagni di squadra devono essere presi contemporaneamente. 2 I turni addizionali nella procedura di fine incontro (quando il tempo è terminato) sono stati ridotti dai canonici 5 a 3. Per maggiori informazioni, nella sezione “Documenti” trovi tutte le regole (in inglese e in italiano) sul formato Two-Headed Giant. (mailing list internazionale 25/01/2007) Forum dedicato al DCI Reporter Bryan Zembrusky è il DCI Policy Manager. Una delle sue attività è lo sviluppo del DCI Reporter V3, al quale è stato dedicato un forum ufficiale Wizards: http://boards1.wizards.com/forumdisplay.php?f=655 (mailing list internazionale 25/01/2007) Assistenza telefonica Se un giocatore non è d’accordo con una decisione dell’Head Judge, non ha il diritto di telefonare ad altri arbitri. Ciò che può fare è, gentilmente, chiedere all’Head Judge di controllare il regolamento, confrontarsi eventualmente con altri arbitri, anche telefonare ad altri arbitri più esperti; sarà poi l’Head Judge del torneo a decidere se è opportuno farlo oppure se è convinto della sua decisione; ovviamente anche l’Head Judge è incoraggiato a verificare le sue scelte, nel caso abbia dei dubbi, anche telefonando ad arbitri più esperti di sua fiducia. Meglio impiegare qualche minuto in più e mettrsi in discussione che prendere una decisione affrettata. Poi, una volta presa, la decisione dell’Head Judge è definitiva e inappellabile.