Articoli
Carta del Mese Reloaded - Blood Moon
Articolo del 25-1-2018 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco


Nei formati pregni di mazzi policromatici che si affidano alle terre non base (come il Modern), il potenziale di una carta che trasforma pressoché tutte le fonti di mana dell'avversario in semplici montagne è innegabile.
Blood Moon/Magus of the Moon costituiscono una autentica autowin contro determinati mazzi, e a seconda del metagame che ci aspettiamo, possono variare da "ottime carte da sideboard" a "ottime carte main deck".

Da un punto di vista regolamentare, la presenza di queste carte sul campo può generare diverse domande per le quali una conoscenza superficiale del regolamento si rivela non sufficiente. Cerchiamo di rispondere a questi dubbi, raggruppandoli per categoria.

Tipi, sottotipi e supertipi

Una carta di Magic:

  • Può avere zero, uno o più supertipi (ad esempio: Leggendario, (terra) Base, Neve).
  • Ha almeno un tipo, ma può averne più di uno (ad esempio: Terra, Creatura, Artefatto)
  • Per ognuno dei tipi che possiede, può avere uno o più sottotipi associati al tipo. Ad esempio, una Creatura può avere sottotipo "Goblin", una Terra può avere il sottotipo "Montagna".


Caso ormai unico nel regolamento di Magic è che ai sottotipi di terra base sia associato un ben determinato testo di regole: ": Aggiungi … alla tua riserva di mana", dove al posto dei puntini va il mana del tipo appropriato. In virtù di questo, quando una terra diventa un sottotipo di terra base (senza specificare "in aggiunta") tutte le abilità intrinseche di quella terra vengono sovrascritte dall'abilità di mana relativa. Questo è spiegato nella regola [CR 305.7], che assicura anche che abilità acquisite in altri modi dalla terra (ad esempio incantandola con Flowering Field) vengono mantenute.

Blood Moon modifica, appunto, il sottotipo delle terre.

Tuttavia, Blood Moon non agisce in alcun modo sul supertipo, né, tantomeno, sul nome. Le terre leggendarie rimangono leggendarie: una Flagstones of Trokair diventa "Terra Leggendaria – Montagna" e, se ne giocate una seconda, dovrete mettere una delle due nel cimitero (senza cercare pianure nel mazzo, perché le due terre sono montagne a tutti gli effetti).

Le terre non base (ovvero quelle che non hanno il supertipo "Base") rimangono non base. Diventano montagne, ma non montagne base. Ad esempio, Price of Progress fa comunque danno.

Se una terra ha anche altri tipi, questi non vengono influenzati da Blood Moon: una terra artefatto rimane anche artefatto.

Se i tipi hanno dei sottotipi associati, Blood Moon sovrascrive i sottotipi legati al tipo Terra, ma non quelli legati agli altri tipi.

Dryad Arbor è normalmente una Terra Creatura – Foresta Driade. Volendo essere più precisi, è una Terra con sottotipo Foresta, e una Creatura con sottotipo Driade. Per quanto detto, in presenza di Blood Moon questa carta diventa una Terra Creatura – Montagna Driade.

Si noti anche che, pur cancellandone il testo, Dryad Arbor è ancora verde. Questo perché il suo colore è definito dall'indicatore di colore. L'indicatore di colore è quel pallino sulla riga del tipo che si trova sulla faccia notte di tutte le carte bifronte. Le copie più antiche di Dryad Arbor riportano la frase "Dryad Arbor è verde": all'epoca avremmo parlato di CDA (Characteristic Defining Ability), ora dobbiamo semplicemente immaginare un pallino verde sulla riga del tipo.

I valori di forza e costituzione vengono mantenuti: "Dryad Mountaineer" è ancora una creatura che può attaccare e bloccare, come si è visto in mondovisione durante la finale del Pro Tour Philadelphia 2011.

Terre con effetti "entra sul campo di battaglia"

Blood Moon o Magus sul campo di battaglia generano un effetto che trasforma le terre non base in montagne. Per l'esattezza, si tratta di un "effetto continuo".
Vediamo come vengono influenzate quelle terre che hanno un effetto di sostituzione che modifica il loro modo di entrare sul campo di battaglia.
Con le modifiche al regolamento introdotte con IXALAN, quando un qualunque permanente entra sul campo di battaglia, per stabilire con quali caratteristiche vi entra, bisogna immaginarlo in campo e vedere quali effetti cercheranno di modificare il suo ingresso. Considerando che l'eventuale terra non base che verrà giocata, sul campo di battaglia sarà una montagna priva di altre abilità oltre a quella di aggiungere mana rosso, potremo incontrare:

  • Frasi del tipo "questa carta entra sul campo di battaglia con…". Gemstone Mine entra senza i suoi tre segnalini.
  • Frasi del tipo "Mentre questa carta entra sul campo di battaglia…". Stomping Ground entra sempre stappata senza pagare punti vita. Cavern of Souls entra senza che venga nominato un tipo di creatura, e se Blood Moon viene distrutta, rimane in campo "orfana" di una scelta.
  • Frasi del tipo "questa carta entra sul campo di battaglia…". Treetop Village entra stappata. Vesuva entra stappata e non copia niente.


Una frase del tipo "Quando questa carta entra sul campo di battaglia…" non genera un effetto di sostituzione. Siamo invece di fronte ad una abilità innescata.
Senza Blood Moon, la terra tocca il campo di battaglia e la sua abilità si innesca.
In presenza di Blood Moon, la terra tocca il campo di battaglia e l'effetto continuo di Blood Moon si applica immediatamente. Quindi si controlla lo stato del gioco dopo l'evento che farebbe innescare le abilità, ma essendo queste ultime già state rimosse, non si innescano affatto.

Alcuni esempi di terre con sia effetti di sostituzione che abilità innescate:

  • Se giochiamo una bounceland (Boros Garrison), la terra entra stappata, (effetto di sostituzione) e nessuna terra torna in mano (abilità innescata)
  • Se giochiamo una terra con Hideaway (Mosswort Bridge), la terra entra stappata, e non guardiamo quattro carte per metterne una sotto la terra.


Terre animabili

Con Blood Moon sul campo di battaglia, solitamente non è possibile animare un Treetop Village o una Mutavault, perché queste carte perdono l'abilità di animare. Se però una terra è già animata, alla terra si applica un effetto continuo che la rende creatura. L'ingresso di Blood Moon non influisce sull'effetto continuo. Se il nostro avversario gioca Blood Moon e in risposta animiamo Mutavault, Mutavault rimane creatura fino alla fine del turno, ed ha ancora tutti i tipi di creatura, in quanto conserva le caratteristiche e/o abilità che l'effetto continuo conferisce alla creatura.

Blood Moon + Urborg, Tomb of Yawgmoth

Questo caso merita un paragrafo a sé.

Blood Moon e Urborg, Tomb of Yawgmoth entrambe in campo. Le due carte generano entrambe effetti di cambio di tipo, che appartengono allo stesso layer, il 4. La maggior parte delle volte in questi casi basta vedere l'ordine temporale, ma in realtà la prima cosa da verificare è se uno dei due effetti dipenda dall'altro.

Se applicassimo prima Blood Moon e poi Urborg, Urborg diventerebbe una Montagna e perderebbe le proprie abilità. Ovvero, Blood Moon influenza Urborg.

Se applicassimo prima Urborg e poi Blood Moon, il testo di Blood Moon non cambierebbe. Ovvero, Urborg non influenza Blood Moon.

Quanto detto è sufficiente per stabilire che l'effetto di Urborg è dipendente da quello di Blood Moon, e pertanto va applicato dopo quello di Blood Moon, indipendentemente dall'ordine in cui i due permanenti sono entrati in gioco.

Concludendo, si applica Blood Moon, che trasforma Urborg in Montagna. A questo punto si applicherebbe Urborg, ma Urborg ha perso la propria abilità, e non fa nulla. Le terre non base, compresa Urborg, sono tutte montagne.
 


Revisione: Daniele Torre, L1
Articolo originale: Carta del Mese - Blood Moon