Articoli
Analisi Recognitions Wave #9
Articolo del 31-7-2017 a cura di Scorrano Mattia
Scorrano Mattia

Analisi Recognitions Wave #9

 

Bentornati alla nostra analisi delle wave!

La wave 9 si è appena conclusa e molti sono i pinguini che sono stati premiati per il loro impegno nella comunità.
Il judge program prosegue e, come sempre, offre il modo di ringraziare chi si sia distinto.

Come nella scorsa wave, cercheremo di analizzare i dati e di avere un quadro chiaro della situazione, sia con una visione d'insieme che approfondendo alcuni aspetti per noi importanti.

Il totale delle recognition fatte e ricevute si equivale: ci troviamo ad averne 182 fatte (165+17 provenienti da judge italiani all'estero) e 182 ricevute (174+8 provenienti da judge italiani all'estero).

Molto utile è il grafico che ci mostra l'andamento quantitativo rispetto alle wave precedenti.

 

 



Seppur con un buon numero, la wave 9 si dimostra essere meno imponente rispetto alla precedente.

Prima di cominciare, vorremmo fare una premessa: ogni recognition riportata in questo articolo sarà nella lingua in cui è stata scritta al fine di mantenerla il più fedele possibile all'originale, senza rischiare di mal interpretare le intenzioni e considerazioni dell'autore.


Analisi per tipologia

Come premesso vogliamo proporvi un'analisi dettagliata delle 5 categorie di appartenenza nelle quali Il nostro team ha suddiviso le recognition:

  • Intraprendenza
  • Comunità
  • Tornei
  • Mentoring (insegnamento diretto)
  • Educazione (insegnamento indiretto)


Queste aree sono tutte molto interessanti e mettono in risalto il modo in cui i judge contribuiscono e si distinguono all'interno della comunità.
 



Intraprendenza 15.7% (32 Recognition)

Distinguersi può voler dire anche fare al meglio quel che si è scelto di fare e farlo talmente con passione da trascinare con sé tutti gli altri.
Arbitrare durante un torneo non è l'unica cosa che fa un judge. Molto spesso la comunità si trova coinvolta in progetti o in eventi e ci sono pinguini che si impegnano molto per portare a termine i propri compiti.

Abbiamo selezionato una delle migliori recognition di questa wave che rispecchia proprio il voler fare con entusiasmo.


Scritta da Andrea Vella per Matteo Manchi

Come nella precedente wave, a questa categoria appartiene un 15% del totale, non subendo variazioni.

Comunità 16.2% (33 Recognition)

In questa categoria possiamo trovare il vero valore di una comunità forte e unita, come quando un collega vede in noi qualcosa che va oltre l'arbitrare un torneo o una risposta su un forum.
Far parte di una comunità vuol dire dedicare il proprio tempo per aiutare le altre persone, sia coordinando altri judge sia risolvendo i problemi tra TO, judge o con i giocatori.

Anche in questo caso il dato resta costante rispetto alla scorsa wave (16%), e di seguito potrete leggere un ottimo esempio di quanto detto.


Da Alessandro Ingargiola per Michele Polo

Tornei 28.9% (59 Recognition)

Arbitraggio puro: il nostro "campo di battaglia" dove ogni pinguino dà il massimo per far sì che un torneo vada al meglio.
In questa categoria abbiamo la maggior crescita rispetto alla wave precedente con un +7.4% (21.5% nella wave 8), complice anche il GP di Bologna che ha visto tantissimi arbitri italiani in staff.
Bisogna metter in luce però che circa la metà delle recognition premiano gli eventi locali, forse meno altisonanti dei GP ma sicuramente altrettanto importanti, sia per la crescita dei judge che per la promozione del gioco organizzato; vi proponiamo quella che per noi è la più rappresentativa.


Scritta da Federico Vecchio per Francesco Cinelli

Mentoring [Insegnamento diretto] 19.1% (39 Recognition)

Sappiamo tutti molto bene quanto sia importante avere qualcuno che ci guidi e che ci aiuti nella nostra crescita. Nella comunità arbitrale questa cosa è molto presente e noi tutti abbiamo sempre qualcuno a cui rivolgersi in caso di necessità.
Questi mentori inoltre, spesso ci vengono incontro aiutandoci e dandoci dei consigli per migliorare e crescere sia dal lato arbitrale che dal lato umano.


Scritta da Lamberto Franco per George Gavrilita

Educazione [Insegnamento indiretto] 20.1% (41 Recognition)

Quando ci chiedono cosa faccia un judge, in molti si aspettano una risposta relativa solamente alla gestione di un torneo. Quello che molti giocatori ignorano è il grande lavoro che c'è dietro alla buona riuscita di un torneo.
La produzione di articoli e l'organizzazione di seminari sono progetti che puntano sempre a migliorare la comunità del mondo di Magic.
In questa voce ricadono tutti i ringraziamenti per chi lavora proprio in questo ambito.


Scritta da Jacopo Strati per Danilo Ranieri


Analisi Per livello

Dopo aver effettuato l'analisi relativa alle tipologie di recognition ora andremo ad analizzare l'utilizzo degli slot e come le recognition stesse siano distribuite in base ai livelli.
Ci siamo concentrati sull'analisi divisa per livello che porta alla luce non solo un quadro generico di quella che è stata la wave, ma ci porta anche a capire come siano distribuite le recognition, permettendoci di avere dei dati molto più significativi.
Per iniziare ecco un quadro chiaro della situazione degli slot utilizzati in percentuale.



Rispetto alla scorsa wave ci sono stati dei decrementi in quasi tutte le categorie:
 



Ma ora andiamo con ordine e procediamo con l'analisi relativa ai singoli livelli

L3
In Italia ci sono 9 L3, tutti molto attivi ed impegnati in eventi nazionali ed internazionali. Molto spesso sono loro che ci rappresentano nel mondo e li vediamo sovente in camicia rossa nei grandi tornei.
Questa attività permette loro di essere in contatto frequentemente con judge di altre comunità ed è per questo che molto spesso fanno e ricevono recognition da judge di altre nazioni.
I L3 hanno 108 slot a disposizione e ne sono stati utilizzati 61, di cui 19 indirizzati all'estero e ben 12 sono gli slot messi a disposizione di altri judge.
Dei nove L3, 7 hanno utilizzato tutti gli slot, con una media generale di 6.77 recognition a pinguino.
Rispetto alla precedente wave la percentuale di slot utilizzati è diminuita del 20% circa.
Per quanto riguarda quelle ottenute, i nostri L3 hanno ricevuto 44 recognition con un leggero aumento rispetto a quelle ottenute nella wave 8.

L2
Anche per i L2 notiamo una diminuzione degli slot utilizzati. La percentuale di decremento è inferiore rispetto ai L3. Ricordiamoci però che gli slot a disposizione dei L3 sono molto di meno rispetto agli slot a disposizione dei L2, quindi anche se il decremento percentuale nei L2 è più piccolo, il decremento nell'utilizzo degli slot è sicuramente maggiore. I L2 sono 52 con un totale di 260 slot disponibili e ne sono stati utilizzati 121 di cui 8 indirizzate all'estero, mentre 13 sono stati messi a disposizioni di altri arbitri.
Dei 52 L2, 5 hanno utilizzato tutti gli slot, mentre 19 non hanno utilizzato alcuno slot messo a disposizione. Un dato molto pesante, se si pensa che nella scorsa wave erano addirittura 14 i L2 ad aver usato tutti gli slot e 10 quelli ad non averne usato neanche uno. I restanti hanno utilizzato slot per una percentuale compresa tra 60% e 80%.
I L2 hanno ricevuto un totale di 121 recognition, di cui 15 provenienti da judge di altre Regioni.

L1
Per i L1 prenderemo in considerazione le recognition ottenute e affiancheremo ad esse gli slot presi in prestito.
Ci troviamo davanti ad una diminuzione rispetto alla precedente wave, con gli slot a loro dedicati dei L2 e L3 in lieve discesa, mentre restano costanti gli slot RC Extra e GP HJ Extra. Sono infatti 41 le recognition ricevute dagli L1, di cui 33 provenienti dagli slot degli L2 e 8 dagli slot degli L3. È interessante notare come 4 recognition provengano da altre regioni.
I L1 hanno richiesto ed utilizzato 10 slot per effettuare delle recognition, indirizzandole tutte agli L2.
Ricordiamo, infatti, che nonostante i L1 non abbiamo loro slot personali, è sempre possibile far richiesta per l'utilizzo di slot liberi ai L2 o L3 che ne avessero a disposizione.

Conclusione
La wave 9 non è riuscita quindi a superare la wave 8 con i numeri, mostrando un leggero decremento nelle percentuali e nelle assegnazioni delle recognition nonostante in questo arco di tempo si sia svolto anche il GP di Bologna, dove molti pinguini italiani hanno avuto modo di interagire con altri arbitri di L2 o superiore.
L'analisi per tipologia ci mostra come le recognition siano assegnate in un modo molto bilanciato, essendoci poca varianza tra le varie categorie. Il dato più interessante è stato sicuramente l'aumento netto delle assegnazioni alla categoria tornei.
Come si può ben vedere dalle tabelle, le percentuali sono scese assieme al numero di recognition effettuate, portando un decremento negli slot dedicati a L1 e L2.
Il numero di slot usati viene a mancare maggiormente da parte dei L3 che scendono al 19% per i L1 (contro i 33% della scorsa wave), al 61% per gli L2 (rispetto al precedente 89%) ed infine per i L3 diminuiscono dal 85% al 67%.
Scendono leggermente gli slot usati dai L2, sia per quanto riguarda i L1 che gli altri L2— rispettivamente -7% e -13%.
In questa wave ci siamo concentrati anche nell'analisi degli slot extra, ovvero gli slot messi a disposizione da altri judge a chi non ne avesse più disponibili o chi non ne avesse proprio (L1). Abbiamo infatti notato che sono stati utilizzati 25 slot tra quelli messi a disposizione.
Molto spesso vanno "persi" slot causa inutilizzo e sui vari canali social della comunità si cerca di mettere a disposizione i propri inutilizzati per chi magari vorrebbe lasciare un ringraziamento a qualcuno ma non ne ha modo.
Questa cosa pare essere molto gradita e si sta iniziando a lavorare su un sistema per facilitare proprio questo processo, potete trovare una bozza qui ideata George Gavrilita e realizzata dal sempre giovane (dentro) Nonno Scialpi.

Concludo con un enorme ringraziamento al team recognition e in particolar modo a Loic per le tempestive e precise tabelle nonché per i grafici e insomma, tutto ciò che ha a che fare con i numeri passa sotto i suoi occhi vigili, e Andrea Vella, instancabile e insostituibile collaboratore.

Bene con questo è tutto, ci sentiamo alla prossima wave!


Revisione: Giorgio Maldarizzi