Articoli
Danni in Pila - Cambiamenti di Policy di Amonkhet
Articolo del 24-5-2017 a cura di Scialpi Francesco Strati Jacopo
Scialpi Francesco
Strati Jacopo


Quando esce una espansione di Magic, l'effetto principale è ovviamente che abbiamo tante carte nuove con cui giocare. C'è però anche un numero di effetti collaterali:
  1. viene aggiornata la banned List (Felidar, non piacevi a nessuno)
  2. vengono aggiornate le regole (CR)
  3. vengono aggiornate le policy da torneo (IPG/MTR)

Con riferimento alle policy da torneo, l'uscita di Amonkhet ha comportato numerose modifiche, alcune molto importanti. Vediamo di che si tratta
 

COMBAT

Avrete senz'altro sentito parlare di questo.

Versione brevissima:
AP: "Combat"
NAP: "Ok"
AP: "Manovro veicolo, attacco"
NAP: "Non credo tu lo possa fare"
AP: "Prima di Amonkhet non lo potevo fare, adesso sì"

È come dice AP. Per una trattazione esaustiva, vi invitiamo caldamente a leggere questi articoli di approfondimento:
http://www.italianmagicjudges.net/article-2655
http://www.magicfriends.net/index.php?ind=news&op=news_show_single&ide=3556
 

NAME A CARD

Riccardo si iscrive ad un torneo Modern.
Primo match, primo game, perde male da Cristiana a causa di un Borborygmos Enraged.
Riccardo ammucchia tuonando "La mia side sarà terribile!"
Riccardo inizia g2 facendo terra, Pithing Needle, "nomino Borborygmos".

Borborygmos è una carta diversa da Borborygmos Enraged. Entrambe le carte sono legali nel formato. (In Legacy, possiamo immaginare uno scenario analogo riguardante Shackles/Vedalken Shackles).

Si potrebbe argomentare che Riccardo ha fatto una scelta legale. Pithing Needle nomina Borborygmos, non Borborygmos Enraged, la partita va avanti così. Cristiana non è tenuta ad aiutare Riccardo a scegliere correttamente, un arbitro non dovrebbe intervenire.

Oppure potremmo dire: le intenzioni di Riccardo sono chiare. Chiunque abbia assistito alla scena si rende conto che Riccardo voleva in realtà nominare Borborygmos Enraged. Cristiana dovrebbe chiedere a Riccardo "intendi Borborygmos Enraged, giusto?", un arbitro dovrebbe intervenire e fare chiarezza.

L'attuale versione delle MTR sposa la seconda interpretazione.
Se siamo arbitri, di fronte ad una ambiguità su una carta nominata, dobbiamo intervenire e fare chiarezza.
Se siamo giocatori, il nostro avversario nomina una carta, e non siamo sicuri di quale carta intendesse, siamo tenuti a cercare di chiarire l'equivoco il più presto possibile.
 

DECKLIST PROBLEM / DECK PROBLEM

Fino a ieri, ogni problema che riguardasse una decklist o la composizione di un mazzo ricadeva sotto Deck/Decklist problem.
Mentre Decklist Problem era quasi sempre Game Loss, Deck Problem aveva accumulato una serie di clausole di downgrade (obbligatorio – non discrezionale), per cui Deck Problem era più spesso Warning che Game Loss.

Da qui, la decisione di scindere la categoria in due:

  1. ogni volta che dobbiamo modificare una decklist, l'infrazione è Decklist Problem, e la penalità è Game Loss. Non ci sono clausole di downgrade
  2. ogni volta che la lista è a posto, ma il mazzo non corrisponde alla lista, e ovviamente la cosa non è intenzionale, l'infrazione è Deck Problem, e la penalità è Warning. Si fa upgrade a Game Loss per:
  • errore scoperto quando il mazzo viene presentato (es. l'avversario conta le carte, oppure viene fatto un Deck Check)
  • errore scoperto da un arbitro, o avvenuto sotto gli occhi dell'avversario. Se il giocatore pesca di turno una carta problematica, e chiama subito un arbitro, Warning. Se il giocatore rivela la prima carta del proprio mazzo, e quella carta non doveva starci, Game Loss.
  • Failure to desideboard relativo a una carta presente sia nel mazzo che nel side, ed errore scoperto a partita iniziata. Giocatore che in G1 pesca il terzo Shock, ma ne aveva solo due di main, e due di side -> Game Loss.


Questo cambio è molto tecnico e poco filosofico: i casi in cui dare Warning e quelli in cui dare Game Loss sono gli stessi di prima.

C'è una sola differenza sostanziale:
Game uno, un giocatore pesca la sua mano iniziale, e scopre di aver commesso Failure to Desideboard. Prima di Amonkhet, avremmo sistemato il mazzo, e dalla mano iniziale sarebbero state tolte tutte le carte di side. Da Amonkhet in poi, dopo aver sistemato il mazzo, il giocatore prende un mulligan, e quindi perde solo una carta.
 

HIDDEN CARD ERROR

L'infrazione Hidden Card Error è oggetto di due piccoli chiarimenti.
 

  1. Una carta che lascia il grimorio per andare in un "set", appartiene al nuovo set solo quando viene vista. Prima di allora, fa ancora parte della libreria. In pratica, se un giocatore risolve Dig Through Time, e mette sul tavolo a faccia in giù otto carte anziché sette, non è ancora HCE; semplicemente, prendete l'ottava carta e rimettetela in cima al mazzo.

  2. Un sottocaso di HCE è "Failure to Reveal". Se un giocatore aggiunge alla propria mano una carta, senza rivelarla quando dovrebbe, l'avversario guarda la mano e sceglie la carta "rivelata". La carta scelta ritorna al set da cui dovrebbe provenire, e si ripete l'azione.

Per esempio: Davide risolve l'abilità di Oath of Nissa correttamente, ma si dimentica di rivelare a Luca la carta che ha preso.
Luca, quindi, guarderà la mano di Davide e sceglierà qual è la carta che non è stata rivelata. Dopodiché Davide aggiungerà la carta scelta alle due che erano state messe in fondo al suo grimorio (in conseguenza dell'effetto di Oath) ricostruendo il set originale e opererà nuovamente la scelta fra quelle tre.
 

SEGNALINI

Un'altra piccola ma sostanziale modifica riguarda il comunicare il numero di segnalini su un oggetto o su un giocatore.
Prima di Amonkhet questa era un'informazione derivata, ovvero chi la forniva non aveva l'obbligo di farlo in modo completo ed esaustivo o poteva addirittura non aiutare il richiedente nel determinarla.

AP: "Quanti segnalini energia hai su di te?"
NAP (che ne ha 5): "Più di 3".

AP: "Quanti segnalini -1/-1 ci sono su quella creatura?"
NAP: "Contali, io non sono tenuto a dirtelo".

Con l'avvento dei segnalini Energia (e quindi l'importanza di tenerne traccia senza l'insorgere di dubbi), si è deciso di modificare questa informazione da derivata a libera. Quel che cambia è che, adesso, se il nostro avversario ci chiede quanti e quali segnalini abbiamo sui nostri permanenti o su di noi, abbiamo l'obbligo di rispondergli in modo corretto e senza omissioni.

AP: "Quanti segnalini energia hai su di te?"
NAP "Ne ho 5".

AP: "Quanti segnalini -1/-1 ci sono su quella creatura?"
NAP: "Ce ne sono due".


Revisione: Giorgio Maldarizzi