Articoli
Analisi Recognitions Wave #8
Articolo del 30-4-2017 a cura di Scorrano Mattia
Scorrano Mattia

Analisi Recognitions Wave #8

 

Con la chiusura della Wave 8, è il momento di effettuare qualche analisi per vedere come stia andando il Judge Program, uno strumento utilissimo ed usato in tutto il mondo. In questa analisi ci siamo concentrati sulla community italiana e sulle Recognition ottenute dai nostri pinguini.

Il primo dato che salta all’occhio è il numero di recognition ottenute 213, un ottimo risultato, che va a superare la precedente wave, che contava 182 recognition ricevute dai nostri judge. Altro grande passo in avanti viene fatto dalle recognition inserite che salgono a 228 contro le 169 della scorsa wave, un ottimo +40%.

Di seguito potete vedere l’evoluzione delle recognition dalla Wave 2 alla Wave 8; ci possiamo rendere conto di come il progetto sia letteralmente esploso durante la wave 4 in cui ha toccato il suo picco più alto insieme alla wave 5, anche grazie all’aumento degli slot messi a disposizione, per poi ridimensionarsi nella wave 6. Una costante crescita ha accompagnato la wave 7 e la wave 8, che già iniziano a fare l’occhiolino alla wave 5.



L’analisi è proseguita mettendo in evidenza le cause, o meglio le motivazioni, che hanno portato i judge a essere nominati dagli altri colleghi.



Nel Grafico 2 possiamo notare le varie tipologie di recognition, che per semplificare abbiamo suddiviso in 5 categorie:
 

  • Intraprendenza
  • Comunità
  • Tornei
  • Mentoring (insegnamento diretto)
  • Educazione (insegnamento indiretto)

Queste aree sono tutte molto interessanti e mettono in risalto come i judge possano contribuire all’intera community o come possano diventare un punto di riferimento per gli altri judge. È importante far notare come molti dei riconoscimenti vengono assegnati per impegni che vanno al di fuori del semplice arbitraggio e spesso hanno a che fare con interazioni tra due o più judge.
Siete curiosi di scoprire cosa contiene ciascuna categoria?

 

Intraprendenza 15% (32 Recognition)

Ci sono persone che sanno dare il massimo quando si tratta di svolgere dei compiti e che riescono a coinvolgere altri.
È il caso, per esempio, di alcuni progetti che si svolgono per la comunità. Questa voce fa riferimento a quei judge che si distinguono per l’impegno e la voglia di fare all’interno di progetti o eventi organizzati dalla comunità. Tale categoria raccoglie circa il 15% del totale mostrando come molti arbitri, che spesso non hanno modo di partecipare a grandi eventi, riescano comunque a contribuire alla community sentendosi partecipi e collaborando.

 

Comunità 16% (34 Recognition)

La nostra è una comunità bellissima, che a volte va ben oltre il semplice arbitraggio. Ci sono occasioni in cui i judge sviluppano un’amicizia e un rapporto al di fuori del torneo. Capita che ci si incontri per una serata tra amici o magari per giocare online. Il termine community va a toccare ambiti che sono anche al di fuori del mondo dell’arbitraggio diretto, facendo riferimento a tutte quelle occasioni in cui un arbitro vede qualcosa di più che un semplice “collega” nell’altra persona.
In questa voce rientrano anche il coordinamento di altri judge a livello regionale e nazionale e la gestione dei problemi con TO, altri judge o con i giocatori.

 

Tornei 21.5% (46 Recognition)

In questa categoria abbiamo l’ arbitraggio, quello sul “campo di battaglia”, dove i judge si distinguono in ambito nazionale e internazionale.

 

Mentoring [Insegnamento diretto] 22% (47 Recognition)

I nostri angeli custodi che ci guidano, ci insegnano e ci ispirano... non possiamo far altro che ringraziarli. Questo ambito, il secondo in ordine di preferenza, fa comprendere come ci sia sempre qualcuno con la voglia di insegnare e sempre qualcuno pronto a raccogliere ciò che gli viene detto.
Il gruppo arbitrale cresce e migliora anche grazie a quei piccoli consigli o aiuti che vengono dati.

 

Educazione [Insegnamento Indiretto] 25.5% (55 Recognition)

La fetta di torta più grande è occupata dai riconoscimenti dati a judge che aiutano “nell’ombra”.
Il supporto tecnico del sito, le traduzioni, gli articoli come i report o i seminari, tutte queste attività mantengono sempre viva la community.

 

Analisi dei livelli


Di seguito un’analisi specifica con riferimento alla suddivisione dei livelli dei judge.

 

L3

I L3 italiani sono 9, spesso impegnati in grandi eventi internazionali; è infatti su di loro che ricade il più alto numero di nomination ricevute dall’estero. In totale, i nostri super pinguini hanno ottenuto 48 nomination, per una media di 5,33 a testa.
Il picco di nomination più alta tocca a due persone: Matteo Callegari e Riccardo Tessitori.

Per quanto riguarda le nomination effettuate verso altri pinguini italiani, i L3 ne hanno rilasciate un totale di 51.
La media è di 5,66 e la punta di diamante è la nostra Cristiana Dionisio, grazie anche al ruolo di Coordinatore Regionale che ricopre, il quale le permette di avere un numero di slot maggiore rispetto agli altri L3.

I L3 avevano a disposizione 108 nomination disponibili e ne hanno utilizzate 79.
Nella tabella qui sotto possiamo notare le percentuali per le quali sono stati impiegati questi slot e risulta evidente che siano molto alte per le nomination di L2, L3 e “any level”, mentre per i L1 c’è un abbondante margine di miglioramento non avendo raggiunto neanche il 40% degli slot disponibili.



Dei nove L3, due hanno utilizzato tutti gli slot, negli altri casi ci troviamo comunque davanti ad un’alta media che si assesta attorno al 75%

 

L2

Per i L2 il discorso cambia; il loro numero è certamente maggiore rispetto a quello dei L3. Stiamo parlando di 51 elementi che spesso arbitrano in Italia e che non disprezzano anche di andare all’estero per arbitrare qualche GP. Questi elementi sono spesso quelli che si mettono più in risalto; tra i migliori troviamo infatti George Gavrilita e Lamberto Franco, che hanno ricevuto numerose nomination da arbitri di altre nazioni.

Questa tabella ci può aiutare per capire come abbiano utilizzato i loro slot in questa wave:



Dei 51 L2 italiani, 14 hanno utilizzato il 100% dei loro slot, 10 non hanno utilizzato neanche uno slot i restanti hanno utilizzato dal 50% al’80% degli slot complessivi.
Della percentuale totale delle recognition inserite dai L2 quasi il 90% risulta essere rivolta ad altri judge del nostro paese.

 

L1

Per i L1 abbiamo un unico dato. Teniamo in considerazione solamente le recognition ottenute, in quanto non possono effettuare direttamente alcuna nomination.
Possono comunque proporre judge meritevoli ad un livello superiore che ha facoltà di utilizzare uno dei suoi slot liberi e questa occasione è stata prontamente sfruttata anche in questa wave.
A conti fatti abbiamo un 23% di recognition dedicate esclusivamente ai L1, tenendo in considerazione sia gli slot riservati che quelli dedicati a tutti i livelli.

 

Conclusione:


Per quanto riguarda l’utilizzo degli slot, è interessante notare come Educazione sia la fetta di torta più grande con il suo 25%; questo ci fa capire che il gruppo arbitrale apprezza chi si impegna e dedica il proprio tempo non solo all’essere judge, ma anche nell’essere una vera e propria comunità che vuole crescere e migliorare sempre di più.



Mettendo a confronto gli slot utilizzati tra la wave 7 e la wave 8 possiamo notare il netto miglioramento nelle voci relative alle nomination L1 (+11%) e quelle L2 (+21%) a cui si aggiungono quelle relative a tutti i livelli (+19%), spesso utilizzate dai L2 che hanno terminato i loro slot.

La wave 8 ha dimostrato come il gruppo dei pinguini stia migliorando sempre più, ottenendo sempre più risalto in Italia e nel mondo. Molti sono quelli che ci rappresentano all’estero e che ricevono nomination da judge stranieri. Sicuramente i L3 sono avvantaggiati in questo, avendo grandi possibilità di essere presenti a tornei all’estero, ma è anche vero che molti L2 si sono distinti.
I dati attorno ai L2 e ai L3 sono molto confortanti, infatti parliamo di un’alta percentuale di utilizzo di slot che si assesta rispettivamente attorno all’82% e addirittura al 94%.
Capitolo a parte sono i L1, per i quali è stato utilizzato solamente il 38% degli slot disponibili

È da considerare però, che il dato è nettamente migliorato rispetto alla wave precedente (27%) e, andando più nello specifico, notiamo un grandissimo miglioramento da parte delle nomination dei L3 che passa dal 7% al 33%.

Possiamo notare come il programma stia coinvolgendo sempre più persone nel nostro paese e di come questa wave 8 ci abbia lasciato un dato di costante miglioramento su tutti i fronti.

Non ci resta che continuare così e migliorare sempre di più.

 

Un po’ di tabelline:


Per completare l’analisi della wave ecco una serie di tabelle che ci indicano i migliori della wave in rapporto alle Recognition Fatte e Ricevute in base al loro livello di appartenenza.



Dopo una lunga selezione, abbiamo deciso di presentarvi 9 recognition (3 per livello) che ci hanno colpito di più. Al fine di lasciare il contenuto invariato, abbiamo deciso di lasciare le recognition in lingua originale.







Revisione: Andrea Vella