Articoli
Almanacco IMJ - Ottobre 2016
Articolo del 8-11-2016 a cura di Fadda Giampaolo
Fadda Giampaolo


1478625721_almanacco_IMJ_v1.png

ALMANACCO IMJ

- Ottobre 2016 -

 

Sommario


LA FINE DELLA LEPRE!

Un giocatore (molto esperto, fra l'altro). Costruisce il mazzo in venti minuti e mi consegna la lista. Non si alza dal tavolo, ma dopo circa 1 minuto, mentre sta imbustando, dice di essersi reso conto di un errore e di voler cambiare una carta. Che fate?
 

Con molta probabilità sarete tentati a rispondere sì, ma la risposta è no.

Qualsiasi cosa facciano i giocatori ricordatevi che una lista consegnata all'arbitro è definitiva. Dobbiamo stare attenti a non deviare mai in questi casi. Il rischio di applicare due pesi e due misure e poi non riuscire a trovare una spiegazione valida ai diversi comportamenti è tanto più alto quanto più sembra elementare la regola.

In altri termini: se lo faccio fare a lui, devo permetterlo a tutti, perché non c'è scritto da nessuna parte che “se sono sicuro al 110% che non abbia avuto consigli strategici, allora può cambiarla”.


UNA MONTAGNA DI TROPPO


Avete contato 41 listate, ma il mazzo contiene 40 carte. Controllando, scoprite che la 41esima carta è la Montagna foil listata nella foto, che in realtà si trova nel sideboard e non è giocata in main. Come vi comportereste?

(Investigation: La montagna è stata listata così da chi registrava il mazzo, il giocatore a cui quel mazzo è stato consegnato non ci ha dato peso.)
 

A rigore, è D/DLP, tuttavia esiste la possibilità di downgrade. D/DLP ha una clausola che afferma “Nei tornei Limited, il Capo Arbitro può scegliere di non dare la penalità nel caso di terre base listate in modo non corretto se crede che le terre corrette siano ovvie.”.

Il giocatore è comunque responsabile di ciò che consegna, il che è a favore del non-downgrade. Ma il fatto che il fardello fosse non tutto suo e il problema di tipo “strutturale” fanno pendere il piatto della bilancia del “no”; spieghiamo ad entrambi i giocatori che se notassero un’anomalia dovrebbero farlo presente ad un arbitro.


ERRARE HUMANUM EST

a) “Judge, quando posso rispondere all'abilità di Aetherstorm Roc che mette il segnalino?”
b) Cosa fate se scoprite che il floor judge ha sbagliato la risposta mentre voi non c'eravate?
 

a) “Puoi rispondere quando l'abilità è in pila, quindi subito dopo che ha attaccato e dichiarato un eventuale bersaglio, ma prima di sapere se pagherà l'energia o no. Non puoi aspettare di vedere se paga l'energia”.

b) Eh. Brutte storie. Fermate prima di tutto il tavolo, se potete. Spiegate il funzionamento al Floor Judge, che dovrà spiegarlo a sua volta e scusarsi. Restate a distanza di ascolto per vedere come si comporta lui e come evolve la situazione e, in caso di difficoltà, intervenite. Purtroppo, non c'è molto altro da fare a posteriori, se non sperare che l'errore non abbia influito sulla partita.


SCATTA LA MEZZANOTTE

Nei quarti, Mirko controlla Midnight Oil. Cosa succede nell'acquisizione in cui c'è un solo segnalino sull'incantesimo?
 

L'abilità fa più che può. Seguendo le istruzioni in ordine, si pesca una carta addizionale e si rimuove l'ultimo segnalino. Da quel momento Mirko potrà tenere ben 0 carte in mano a fine turno!


NON SI MANGIA OGGI

In una delle semifinali, Salvo controlla una Fretwork Colony. STAPpa e pesca senza annunciare l'abilità. Eventuali infrazione, fix e penalità.
 

L'infrazione è chiaramente Missed Trigger. La domanda “nascosta”, quindi, è “siamo di fronte a una trigger beneficial o detrimental?”

In generale, se una stessa abilità fa una cosa “buona” e una “cattiva”, l'abilità è da considerarsi “buona”, perché la parte “cattiva” agisce da bilanciamento per un'abilità che sarebbe troppo forte da sola (grazie, Dark Confidant!). Questa trigger non è detrimental, ma intervenite per investigare. Se non c'è Cheating, l'avversario sceglie se mettere o no in pila l'istanza dimenticata.



Revisione: Carpanedo Matteo