Articoli
GP Trial a REL regular
Articolo del 27-7-2016 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco

Se giocate da una quindicina d’anni, forse avrete memoria di quando il Rules Enforcement Level (da qui in poi REL) di un torneo era un valore numerico, che poteva andare da 1 (minima severità—torneo tranquillo del pomeriggio in fumetteria) a 5 (massima severità—Pro Tour).
 
Successivamente, venne deciso di mantenere solamente tre livelli.
 
REL 1 divenne Regular.
REL 3 divenne Competitive.
REL 5 divenne Professional.
 
REL 4 valeva solo per i Grand Prix; la sua abolizione venne gestita stabilendo che i Grand Prix si giocano a Competitive il Day 1, e a Professional il Day 2.
 
REL 2 valeva solo per i GPTrial. Qui la faccenda era un po’ più complessa. Il REL dei GPTrial doveva essere alzato a Competitive, o abbassato a Regular?
 
Venne scelta la prima opzione, e i GPTrial divennero Competitive. Per molti giocatori, un GPTrial è stato il primo evento Competitive giocato; per molti negozianti, un GPTrial è stato il primo evento Competitive organizzato.
 
Per molto tempo, dunque, i GPTrial si sono giocati a Competitive, cosa che comporta l’applicazione delle IPG e l’obbligatorietà di procedure da torneo come decklist e deck check. D’altra parte, i GPTrial richiedevano la presenza di un arbitro di livello 1, e a quest’ultimo non è richiesto di conoscere le IPG e le procedure da torneo Competitive. I volenterosi livelli 1 che arbitravano i GPTrial si sobbarcavano l’onere di studiare qualcosa che andava oltre il proprio livello.
 
Arriviamo a oggi: un recentissimo cambio delle policy stabilisce che i GPTrial vanno condotti a REL Regular.
Facciamo bene attenzione a cosa comporta questo cambio.
 
  • Rimane obbligatorio l’arbitro, almeno di livello 1
  • L’arbitro di un GPTrial non può anche giocarlo
  • È possibile applicare il REL Competitive qualora l’organizzatore garantisca, al di là dei due bye per il vincitore, un premio significativo
 
Alcune procedure da torneo obbligatorie a Competitive sono facoltative a Regular. “Facoltative” non significa che non possano essere applicate: significa che non sono richieste, ma l’Head Judge e/o il TO possono decidere di effettuarle comunque. Quindi, anche a Regular, l’Head Judge può scegliere:
 
  • se Constructed, di richiedere la lista del mazzo
  • se Sealed, di richiedere la registrazione del mazzo, secondo la nota procedura “listate il pool aperto dalla persona che avete di fronte, e poi ridatele le carte e passatele la lista”
  • di effettuare i deck check
  • di vietare l’utilizzo di dispositivi elettronici atti a prendere/consultare note e ad accedere alla rete
  • durante il draft, di vietarvi di guardare le carte già pickate, tranne nei momenti in cui è espressamente previsto
 
Si noti infine che, se il torneo è Sealed e non è richiesta la lista del mazzo, è tacitamente ammesso cambiare il proprio main deck in qualunque momento (la cosiddetta “continuous construction” che già si usa ai prerelease). Non è obbligatorio, quindi, giocare il primo game di ogni match con lo stesso mazzo del match precedente; è possibile cambiare il proprio mazzo anche prima del  game 1 di un match. Se l’Head Judge preferisce vietare la continous construction può farlo, comunicandolo all’inizio del torneo (a questo punto, probabilmente vi chiederà anche di listare).
 
Quando ci iscriviamo o preiscriviamo ad un GPTrial, è bene prestare attenzione a quanto scritto sull’annuncio del torneo e agli annunci del capo arbitro.
 
L’Head Judge e il TO non possono decidere di non applicare quanto riportato nel Fact Sheet dei GPTrial. In particolare:
 
  • Ogni turno di svizzera dura 50 minuti. Questo non è a discrezione del TO e/o dell’Head Judge
  • Il numero di turni di svizzera è calcolato in base ai giocatori, secondo una tabella prestabilita. Il TO e l’Head Judge non possono decidere di fare un turno in più, o uno in meno.