Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Danni in pila - Tutto sul Mulligan
Articolo del 28-11-2013 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco

 

Nel gioco di Magic, il mulligan è una componente da non sottovalutare.

Sapere quando una mano va tenuta e quando, invece, è meglio rimischiare e pescare una carta in meno, è una vera e propria skill, che a volte fa la differenza tra la vittoria e la sconfitta. Tutti abbiamo memoria di decisioni difficili riguardanti la nostra mano iniziale, e di accese discussioni con gli amici su quanto quella mano fosse da tenere oppure no.
Un tempo, le cose erano decisamente più semplici (ma questo non significa che fossero anche migliori).

Quando nacque la DCI, e si iniziarono a svolgere i primi tornei sanzionati, inizialmente valeva la seguente regola:
"Se la tua mano iniziale contiene zero terre o sette terre, puoi rivelare la tua mano, rimischiare, e pescare una nuova mano di sette carte. Il procedimento non può essere ripetuto".

Tutto qui. Nessuna delle scelte strategiche a cui oggi siamo abituati.
Le mani con una terra e sei spell, o con sei terre e uno spell, andavano tenute, senza se e senza ma.
Le mani con sei spell e un Maze of Ith (che non produce mana) andavano tenute.
I giocatori più anziani possono narrarvi di rovinose sconfitte dovute a una mano iniziale improponibile (o meglio, potrebbero parlarvene, ma comprensibilmente non amano farlo).


Un membro della Wizards, tale Matt Hyra, ex pro-player e arbitro, un giorno propose di adottare una nuova regola:
"All'inizio della partita, peschi sette carte. Se non sei soddisfatto, puoi rimischiare e pescare sei. Puoi ripetere il procedimento quante volte vuoi, pescando sempre una carta in meno".

La nuova regola venne usata, in via sperimentale, al Pro Tour Los Angeles (febbraio 1997, formato Limited).
I risultati non furono considerati degni di nota, e la nuova regola era destinata a tornare nel cassetto da cui era venuta, ma il caso ci mise lo zampino.

 

Il successivo Pro Tour era previsto ad aprile 1997, a Parigi, formato Constructed. La Wizards non intendeva usare la nuova regola in questo torneo, ma accadde che, durante la preparazione dei depliant da inviare a tutti i qualificati al Pro Tour, si fece un "copia e incolla" poco accorto dal depliant del Pro Tour Los Angeles, e per errore la nuova regola finì nei volantini destinati ai qualificati per Parigi.

Fu così che, ad un Pro Tour costruito, i giocatori ebbero la possibilità di rimischiare e pescare una carta in meno.
La Wizards fu soddisfatta del risultato, in particolare del fatto che i mazzi combo (era l'epoca del "ProsBloom") non erano avvantaggiati così tanto come si temeva. La nuova regola divenne ufficiale, e prese il nome di Paris Mulligan.

 

 

Il mulligan ha successivamente ricevuto una piccola modifica nel 2009, con l'uscita di M10.

Prima di M10, il giocatore che iniziava doveva prendere tutti i mulligan che desiderava. Dopo che questo giocatore avesse dichiarato di tenere la mano attuale, toccava al suo avversario iniziare il processo.

Da M10 in poi, i mulligan sono simultanei. Il giocatore che inizia dichiara se tenere o pescare sei, e il suo avversario deve fare lo stesso. Se quest'ultimo, in questo momento, dichiara di tenere, non può prendere ulteriori mulligan in seguito.

Quindi, prima di M10, il giocatore "on the draw" aveva un piccolo vantaggio strategico; poteva sapere con quante carte il suo avversario avrebbe iniziato, prima di decidere a sua volta se mulligare o meno.
Con la regola attuale, il giocatore "on the draw" perde questo vantaggio, ma le procedure di inizio partita sono più veloci e lineari.

 


Improper drawing at start of game

Un giocatore pesca sette, e decide di mulligare. Anziché pescare sei, ripesca sette. Che fare?


Da una parte, mettere questo errore allo stesso livello di Drawing Extra Card, e assegnare quindi Game Loss, sembra eccessivo. Dall'altra, non possiamo permettere al giocatore di rimischiare e pescare sei, perché ciò sarebbe facilmente abusabile. Un giocatore scorretto potrebbe pescare sei, e di fronte ad una mano brutta potrebbe intenzionalmente pescare la settima e fare finta di essersi sbagliato, in modo da ottenere un "free mulligan" a sei.


Una soluzione che mette tutti d'accordo è consentire al giocatore di iniziare con una carta in meno. Se doveva iniziare con sei, inizierà con cinque, se doveva iniziare con cinque inizierà con quattro eccetera. L'infrazione commessa é Improper Drawing at Start of Game, si assegna un Warning.


Quella appena descritta è la filosofia della policy. La applicazione della policy è stata oggetto di numerose modifiche nel corso del tempo. Vediamo quali:


1) In origine, si applicava un mulligan forzato. Un giocatore che doveva pescare sei, e ha pescato sette, rimischia e pesca cinque nuove carte. Può tenere, o mulligare a quattro.

2) In seguito, piuttosto che far rimischiare, si è ritenuto più appropriato togliere alcune carte a caso dalla mano del giocatore, lasciandogli in mano le rimanenti. Un giocatore che doveva pescare sei, e ha pescato sette, si vede rimuovere dall'arbitro due carte a caso, che vengono rimischiate nel mazzo. Il giocatore ha ora cinque carte in mano, può tenere o mulligare a quattro.

3) Le IPG vengono considerate eccessive per i tornei regular. Le IPG continuano a valere solo per Competitive/Professional. A Regular, non si assegnano più penalità, e nasce il documento JAR (Judging at Regular REL), che contiene indicazioni per risolvere i problemi più comuni. In particolare, mentre a Competitive continua a valere la regola del punto 2), a Regular il giocatore che doveva pescare sei, e ha pescato sette, si vede rimuovere e rimischiare nel mazzo una sola carta a caso. Il giocatore si ritrova con sei carte in mano, può tenere o mulligare a cinque. Al REL più basso, il regolamento è decisamente più morbido.

4) L'ultima modifica delle IPG stabilisce quando si parla di Improper Drawing at Start of Game, e quando invece si passa a Drawing Extra Cards. Lo spartiacque è costituito dalla prima azione legale di gioco compiuta dal giocatore. Un giocatore che doveva pescare sei, e ha pescato sette, e non ha ancora giocato terra, o Leyline, o Mox e quant'altro, si vede applicare la procedura del punto 2). Lo stesso giocatore, che abbia giocato terra o uno spell, ha commesso Drawing Extra Card, e riceve un Game Loss.