Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Danni in Pila - Legend Rule
Articolo del 3-10-2013 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco


Il concetto che sta dietro la "legend rule" è in fondo semplice: le Leggende sono uniche, in un dato istante può essercene una sola.

Come spesso accade, però, ad un'idea semplice non corrisponde una realizzazione altrettanto agevole. Nel corso degli anni, lo "spirito" di questa regola si è incarnato in diverse forme, ed ha più volte cambiato enunciazione.

Vediamo allora una cronistoria della "regola delle Leggende", iniziando dalla nascita delle Leggende e concludendo col recentissimo cambio avvenuto in M14.

Giugno 1994 - Legends

L'espansione Legends arriva nei negozi, e introduce le carte "Summon Legend" (es. Nicol Bolas) e le carte "Legendary Land" (es. Karakas).

La Legend rule è più o meno come segue:

[CR 420.5e] If two or more permanents with the same name have the subtype Legend or the supertype legendary, all except the one that has been a Legend or legendary permanent with that name the longest are put into their owners' graveyards. This is called "the Legend rule." In the event of a tie, each Legend or legendary permanent with the same name is put into its owner's graveyard. (If two permanents have the same name but only one is a Legend or is legendary, this rule doesn't apply.)

Se due o più creature Leggenda o permanenti leggendari con lo stesso nome sono in campo, quello "più vecchio" rimane in campo, tutti gli altri finiscono nel cimitero.

Quindi, se il nostro avversario ha in gioco una Leggenda o un permanente leggendario, e noi giochiamo una stessa copia di quella carta, non ne abbiamo nessun beneficio, né gli arrechiamo alcun danno. Il giocatore che cala la propria Leggenda per primo ha un vantaggio significativo sul suo avversario, che invece si ritrova con una carta morta in mano. (Ai tempi di Mercadia, ad esempio, molte partite si riducevano appunto a "chi risolve Lin Sivvi, Defiant Hero per primo").


La regola é identica per i permanenti leggendari e per le creature Leggenda.
Tuttavia, mentre leggendario è un supertipo, Leggenda è un sottotipo del tipo Creatura, esattamente come Goblin o Elfo.
Ne consegue che una carta che cambia il tipo di una creatura può trasformare una creatura non Leggenda in una Leggenda, e viceversa.

Unnatural Selection, una carta stampata molti anni dopo, ma in un tempo in cui valeva ancora questa regola, consentiva di mettere in pratica il seguente giochetto:
"Attivo l'abilità, il mio Troublesome Spirit è una Leggenda. Attivo ancora l'abilità, anche il tuo è una Leggenda. Il tuo muore (solo il tuo)."

Infine, dal primo agosto del 1994, tutte le carte Summon Legend e tutte le Legendary Land vengono aggiunte alla Duelist Convocation restricted list. Non solo non possono esserci due Leggende con lo stesso nome in campo, ma ogni mazzo può contenere al massimo una copia di ogni Leggenda!

Ottobre 1995 – Ice Age

La Legend Rule non viene modificata, viene stampata una manciata di nuove carte "Summon Legend", ma soprattutto le carte Leggenda o leggendarie vengono rimosse dalla Restricted List. E' ora possibile inserire quattro copie di una Leggenda nel proprio mazzo.

Ottobre 1998 – Urza's Saga

Viene stampato il primo permanente non terra con supertipo leggendario (Karn, Silver Golem).
Le regole esistenti coprono già il caso, senza bisogno di modifiche.

Ottobre 2004 – Champions of Kamigawa

Dopo quasi un decennio, in cui la legend rule viene modificata nella forma ma non nel significato, arriva il blocco Kamigawa, che introduce delle differenze sostanziali.

[CR 215] This section is now empty. See rule [CR 205.4c] and rule [CR 420.5e] about legendary permanents.
[CR 420.5e] If two or more permanents with the same name have the supertype legendary, all are put into their owners' graveyards. This is called the "legend rule." If only one of those permanents is legendary, this rule doesn't apply.

La nuova regola [CR 420.5e], oltre ad essere parecchio più corta rispetto alla versione precedente, ci porta le seguenti novità:
  • Si parla di permanenti leggendari, ma non di Leggende. Leggenda come tipo di creatura non esiste più: semplicemente, ora anche le creature possono avere il supertipo Leggendario. E' praticamente la stessa cosa, ma più semplice. Ok, Unnatural Selection ne esce depotenziata, ma non bisognava vederci particolarmente lungo per capire che Magic sarebbe sopravvissuto.
  • Se più permanenti leggendari con lo stesso nome sono in campo, finiscono tutti nel cimitero – non conta da quanto tempo fossero in campo, o da quanto tempo fossero leggendari.

Il cambio di prospettiva rispetto al passato è netto: se il nostro avversario ha un permanente leggendario in campo, semplicemente possiamo giocare il nostro, per distruggere entrambi i permanenti.

Due giocate emblematiche di questo periodo sono:
  1. Giocatore A controlla Umezawa's Jitte. Giocatore B risolve la propria Jitte, entrambi gli artefatti vanno nel cimitero.
  2. Giocatore A controlla Kokusho, the Evening Star. Dopo aver attaccato, lancia una seconda copia di Kokusho. Entrambi i draghi leggendari finiscono nel cimitero, drain life da dieci.

Luglio 2013 – M14

Il caso vuole che la nuova modifica non marginale alla regola delle Leggende avvenga di nuovo dopo circa un decennio, nove anni per essere precisi.
Ecco cosa ci dice il paragrafo [CR 704.5k]:
If a player controls two or more legendary permanents with the same name, that player chooses one of them, and the rest are put into their owners' graveyards. This is called the "legend rule."

Di nuovo, una rottura col passato decisamente significativa.

L'unicità di un permanente leggendario si applica ora non all'intero campo di battaglia, ma solo all'insieme dei permanenti controllati da un giocatore.
Se giocatore A ha in campo il suo Geist of Saint Traft, e giocatore B a sua volta ha il suo, va bene, le regole lo consentono.
Se giocatore A ha in campo il suo Geist of Saint Traft, e giocatore B lo copia con un Clone, avremo in campo un Geist originale e uno clonato. Le regole lo consentono.
In Two-Headed Giant, nulla vieta che due compagni di squadra controllino un Geist ciascuno.

Quasi altrettanto interessante è il fatto che, quando l'unicità non è rispettata neppure tra i permanenti di un solo giocatore, il giocatore stesso può decidere quale lasciare in campo.
Se controlliamo N creature e Gaea's Cradle, possiamo tappare Gaea's Cradle per attingere N mana, poi giocare un'altra Gaea's Cradle mandando la prima nel cimitero, e tappare la nuova terra per attingere altri N mana nello stesso turno.
Se controlliamo Olivia Voldaren incantata da Arrest, possiamo lanciare una seconda Olivia, e decidere di mandare nel cimitero la copia incantata e tenere in campo la copia appena lanciata.