Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Carta del Mese - Agosto 2013 - Celestial Flare
Articolo del 15-8-2013 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco



Che dire di Celestial Flare? Tutti ne parlano male ("è situazionale", "richiede il doppio bianco", "l'avversario sceglie cosa sacrificare"), e poi tutti finiscono per giocarla.

In Limited, un removal è sempre un removal. Questa carta è una comune, quindi la probabilità che faccia parte del mazzo del nostro avversario è alta. Se l'avversario ha due mana bianchi stappati, dovremo sempre aspettarci Celestial Flare, e sarà saggio giocarci intorno.

In Constructed, le liste più recenti di UWR Flash contano una o due copie di Celestial Flare, solitamente in sideboard ma a volte anche di main. Dopo esserci sbarazzati delle altre creature con gli spari e le contromagie, quel Thrun, the Last Troll che attacca da solo non fa più tanta paura…

La prima cosa interessante da dire riguardo Celestial Flare è che questa carta bersaglia il giocatore, ma non la creatura. Celestial Flare può obbligarci a sacrificare una creatura con shroud, con hexproof, o protetta dal bianco. Inoltre, come è noto, gli scudi di rigenerazione sono inutili contro gli effetti che fanno sacrificare.

Un altro risvolto della cosa è che Celestial Flare può essere lanciato anche fuori dal combattimento, in un momento della partita in cui non ci sono creature attaccanti o bloccanti (ad esempio per incrementare lo storm count).

Da quando a quando, esattamente, una creatura "attaccante" o "bloccante" rimane tale?

Ricordiamo brevemente che la fase di combattimento si divide in cinque sottofasi:
  1. Beginning of combat
  2. Declare attackers
  3. Declare blockers
  4. Combat damage
  5. End of combat
Una creatura può essere dichiarata attaccante durante il secondo step, oppure entrare in campo già attaccante (ad esempio a causa di abilità come ninjutsu).

Una creatura può essere dichiarata bloccante durante il terzo step, oppure entrare in campo già bloccante (es. saprolingio generato da Flash Foliage).

La cosa importante da sapere è che le creature rimangono attaccanti o bloccanti fino alla fine della fase di combattimento, ovvero fino alla fine dell'end of combat step.

I danni da combattimento vengono assegnati durante il combat damage step; poi, dopo che i danni sono stati assegnati e le creature sono morte, i giocatori ricevono priorità.

Questo significa che è possibile lanciare Celestial Flare sia nel combat damage step, sia nell'end of combat step, in entrambi i casi dopo aver risolto i danni da combattimento. Il giocatore bersaglio dovrà sacrificare una delle creature sopravvissute al combattimento.

Richiamiamo l'attenzione su alcuni casi particolari:
  • Una creatura che riceve danni da combattimento letali, e rigenera, viene rimossa dal combattimento, e pertanto non è più attaccante o bloccante. Celestial Flare non può causarne il sacrificio.
  • Una creatura bloccante rimane tale fino alla end of combat anche se la creatura bloccata lascia il campo di battaglia, o viene rimossa dal combattimento.
  • Una creatura che attacca un planeswalker rimane attaccante fino alla end of combat anche se il planeswalker attaccato lascia il campo di battaglia (ad esempio, se il suo controllore usa un effetto come Disperse per farsi tornare il planeswalker in mano).

Se usiamo Celestial Flare per sbarazzarci di una creatura bloccante, ricordiamoci che la creatura bloccata rimane bloccata in ogni caso. Se la creatura bloccata ha trample, potremo assegnare tutto il danno al giocatore o al planeswalker attaccato. Se la creatura bloccata non ha trample, essa non infliggerà né riceverà danno.