Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Carta del Mese - Maggio 2013 - Master of Cruelties
Articolo del 9-5-2013 a cura di La Terra Salvatore
La Terra Salvatore

Tag: Carta del Mese Master of Cruelties Dragon's Maze





I giocatori più competitivi vedranno solo un solido muro in questa carta. In effetti, l'interazione fra deathtouch e first strike rende Master of Cruelties particolarmente efficace in difesa; non così in fase offensiva, in cui una qualsiasi 1/1 è in grado di frapporsi fra il minaccioso demone e i punti vita del difensore.

Tuttavia, Magic è sostanzialmente tanti giochi in uno, e c'è uno di questi giochi che verrà pesantemente impattato da questa carta, tanto che già c'è chi ne chiede il ban. Parlo ovviamente del Commander, in cui Master of Cruelties sembra ben posizionato di suo, e a dir poco terrificante in un mazzo guidato da Kaalia of the Vast.

Le interazioni più rilevanti riguardano la fase di combattimento: Master of Cruelties, infatti, ha due abilità che si sono viste poco spesso. Prima di inoltrarci in una trattazione sistematica su come funziona il combattimento, partiamo dall'effetto della sua abilità innescata: impostare i punti vita di un giocatore a un determinato valore significa fargli perdere o guadagnare i punti vita necessari perché arrivi a quel valore. Quindi, se Master of Cruelties manda a 1 un giocatore che si trova a 10 punti vita, di fatto gli sta facendo perdere 9 punti vita, il che innesca ad esempio Mindcrank e Lich's Tomb.

Notiamo anche che un Master of Cruelties non bloccato non assegna danno da combattimento. Questo effetto, abbastanza in voga per i sabotatori (ossia le creature che fanno qualcosa se non vengono bloccate) nei primi anni del gioco e ormai praticamente estinto, non è un effetto di prevenzione: anche se controllate una Leyline of Punishment, il Master of Cruelties comunque non potrà infliggere l'ultimo, cruciale danno al vostro avversario.


Innescate nel combattimento

Per anni abbiamo avuto a che fare con abilità che si innescano "whenever [a creature] attacks". Sappiamo bene che "attaccare", in questa formula, significa "dichiarare come attaccante", e che se una creatura entra sul campo di battaglia già attaccante o guadagna un'abilità di questo tipo mentre sta già attaccando, tali abilità non arrivano a innescarsi.

Master of Cruelties, come i sabotatori dei tempi che furono di cui dicevamo prima, si innesca "whenever [a creature] attacks and isn't blocked". Le Comprehensive Rules definiscono questa abilità come segue:

509.4g. An ability that reads "Whenever [this creature] attacks and isn't blocked, ...." triggers if no creatures are declared as blockers for that creature. It will trigger even if the creature was never declared as an attacker (for example, if it entered the battlefield attacking). It won't trigger if the attacking creature is blocked and then all its blockers are removed from combat.

Questa abilità si innesca durante la dichiarazione delle creature bloccanti, e quindi va in pila all'inizio dell'omonima sottofase. È importante notare che non ha nessuna importanza se la creatura è stata effettivamente dichiarata attaccante nella sottofase precedente: nonostante le due abilità inizino con le stesse parole, non sono una l'estensione dell'altra.

Questa è decisamente un'interazione notevole in Commander: se attacco un avversario senza bloccanti con Kaalia of the Vast e metto sul campo di battaglia Master of Cruelties, l'abilità di quest'ultimo manderà l'avversario a 1 e i danni di Kaalia gli saranno fatali.


Combattente solitario

In quest'ultimo esempio, avere Kaalia attaccante insieme al Master of Cruelties sembra contraddire l'abilità che dice che il demone "can only attack alone". Tuttavia, quell'abilità ha effetto solo mentre dichiariamo le creature attaccanti; non ha nulla da ridire con l'abilità di Kaalia che mette il Master of Cruelties sul campo di battaglia già attaccante, e certamente non rimuove dal combattimento nessuno dei due. Ricordiamo sempre che per una creatura "attaccare" significa specificamente "essere dichiarata attaccante".

Tecnicamente, quella del Master of Cruelties è una restrizione, ossia un'abilità che ci dice che una certa dichiarazione degli attaccanti è illegale. Le restrizioni, insieme con i requisiti, costituiscono i criteri che usiamo per determinare la legalità delle dichiarazioni nella fase di combattimento.

Cerchiamo di dare un assetto sistematico a questa parte del regolamento. A me piace enunciarla in questo modo:
  1. Un giocatore non è mai obbligato a pagare eventuali costi per attaccare o bloccare con una creatura. Se una creatura non può attaccare o bloccare a meno che non venga pagato un qualche costo o compiuta una qualche azione, è sempre possibile rifiutarsi di farlo e ignorare quella creatura nel determinare se un attacco è legale o meno. Tuttavia, se decidiamo di pagare il costo, quella creatura sarà assoggettata a tutti i requisiti e le restrizioni del caso.

    Alcuni esempi di carte che hanno o impongono dei costi: Phyrexian Marauder, War Tax, War Cadence, Sphere of Safety, Propaganda, Ghostly Prison.
     
  2. Un giocatore deve obbedire a tutte le restrizioni, purché tali restrizioni non contravvengano alla Prima Legge.

    Alcuni esempi di carte che hanno o impongono delle restrizioni: il nostro caro Master of Cruelties, Dueling Grounds, Crawlspace, la seconda abilità del Juggernaut.
     
  3. Un giocatore deve soddisfare il maggior numero di requisiti possibile, purché tali requisiti non contrastino con la Prima o con la Seconda Legge.

    Alcuni esempi di carte che hanno o impongono dei requisiti: Taunting Elf, Lure, Blaze of Glory, Reckless Brute, Courtly Provocateur.
Un metodo esaustivo per determinare quali tra le possibili dichiarazioni sono legali e quali no è questo: consideriamo tutte le possibili dichiarazioni, e contiamo quanti requisiti e restrizioni vengono soddisfatti. Le dichiarazioni che violano anche una sola restrizione sono illegali, quindi le scartiamo; a questo punto, le dichiarazioni che violano qualche requisito sono illegali se ne esiste almeno un'altra che ne viola di meno.

Cominciamo con un esempio semplice: controllo un Master of Cruelties e un Juggernaut. Elenchiamo tutte le possibili dichiarazioni degli attaccanti:
  • Attacco nullo: viola il requisito del Juggernaut.
  • Attacca solo il Master of Cruelties: viola il requisito del Juggernaut.
  • Attacca solo il Juggernaut: rispetta tutti i requisiti e le restrizioni.
  • Attaccano entrambe le creature: viola la restrizione del Master of Cruelties.
Appare evidente che l'ultima opzione va scartata immediatamente. Delle altre tre, la prima e la seconda sono illegali perché ne esiste una che soddisfa un requisito in più. L'unica opzione legale è la terza.

Adesso gioco Incite bersagliando il Master of Cruelties, possibilmente chiudendo gli occhi per non vedere l'illustrazione. L'elenco di prima cambia come segue:
  • Attacco nullo: viola il requisito del Juggernaut e quello di Incite.
  • Attacca solo il Master of Cruelties: viola il requisito del Juggernaut.
  • Attacca solo il Juggernaut: viola il requisito di Incite.
  • Attaccano entrambe le creature: viola la restrizione del Master of Cruelties.
Notiamo che obbedire a entrambi i requisiti è impossibile: la restrizione del Master of Cruelties rende illegale quest'opzione. Adesso, la seconda dichiarazione diventa legale, perché il minimo numero di requisiti a cui posso obbedire è comunque uno. La prima opzione rimane illegale, perché viola due requisiti.

Poniamo adesso di aver lanciato Brainwash sul Juggernaut, anziché Incite. Poiché adesso è richiesto un costo per attaccare col Juggernaut, posso decidere di escluderlo dal computo delle possibilità: in questo caso, non ho più alcun requisito e sono libero di attaccare con il solo Master of Cruelties o non attaccare affatto. Se decido di pagare {3}, ricado nel primo esempio.

Facciamo un ultimo esempio. Controllo un Taunting Elf equipaggiato da una Infiltration Lens, un Taunting Elf incantato da Lure e un Juggernaut, e attacco con tutte e tre le mie creature. Il mio avversario controlla un Wall of Glare e un Wall of Junk.

Sia i Taunting Elf che il Lure creano un requisito per ciascuna delle creature controllate dal difensore, per un totale di sei requisiti. Poiché il Juggernaut non può essere bloccato dai Muri, escludiamo immediatamente tutte le dichiarazioni che lo coinvolgono:

Requisiti Violati Wall of Junk blocca il Taunting Elf equipaggiato Wall of Junk blocca il Taunting Elf incantato
Wall of Glare blocca il Taunting Elf equipaggiato 4 3
Wall of Glare blocca il Taunting Elf incantato 3 2
Wall of Glare blocca entrambi i Taunting Elf 2 1


La dichiarazione che minimizza il numero di requisiti violati è: Wall of Junk blocca il Taunting Elf incantato, Wall of Glare blocca entrambi i Taunting Elf. Se volessimo trovare il modo di non essere costretti a bloccare il Taunting Elf equipaggiato, in modo da non fare pescare carte all'avversario, dovremmo creare una restrizione che impedisca ai due muri di bloccarlo - ad esempio dargli volare con un Jump. Le abilità evasive (ossia: volare, intimidire, passa-terra, protezione, ombra, paura e la mai abbastanza vituperata horsemanship) creano infatti delle restrizioni a tutti gli effetti.