Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Report 2005 - PTQ Atlanta - Firenze (ITA)
Articolo del 31-12-2005 a cura di Tessitori Riccardo
Tessitori Riccardo

PTQ Firenze per Atlanta Torneo: PTQ Firenze per Atlanta Head Judge: Cristiana Dionisio, L2 Formato: Team Limited Data: 9 gennaio 2005 Giocatori: 117 Introduzione Le premesse per un buon PTQ ci sono: un organizzatore preciso ed efficiente con cui ho già lavorato, con ottimi risultati negli anni precedenti, uno staff che comprende un L3, due candidati a L3 e un candidato a L2, giocatori puntuali e abituati all’ambiente agonistico dei PTQ. Un PTQ noioso, senza nessuna situazione degna di nota? No, in ogni torneo c’è qualcosa da imparare, anche quando tutto va per il verso giusto La preparazione del torneo: le preiscrizioni Dato che il numero di squadre ammesse era limitato (40 squadre, per un totale di 120 posti a sedere), le preiscrizioni sono state gestite dall’organizzatore via mail (per non perdere traccia di nessuna richiesta e per confermare ogni avvenuta preiscrizione per scritto). Le indicazioni sul torneo sono state date ai giocatori con più di un mese di anticipo, utilizzando le mailing list che raccolgono la grande maggioranza dei giocatori di PTQ; non si sono presentate difficoltà e, soprattutto, sono state evitate le noiose polemiche che caratterizzano i PTQ a numero chiuso. La sera prima del torneo c’erano le 40 squadre preiscritte con sicurezza di giocare, 10 squadre preiscritte in lista d’attesa e altre 4 o 5 squadre che avevano già comunicato la rinuncia. La domenica mattina si sono presentate 39 squadre e fortunatamente nessuno dei presenti è rimasto escluso dall’evento; anche le squadre in lista d’attesa che si sono presentate hanno potuto sfruttare il previsto 20% di defezioni all’ultimo momento. Quattro squadre hanno avuto una decina di minuti di ritardo e, molto saggiamente, hanno telefonato per annunciare il loro ritardo, assicurandosi il diritto di partecipare ed evitando penalità. Cosa si può fare di meglio? Un possibile miglioramento è dato dall’educare i giocatori ad annullare la preiscrizione, nel caso in cui decidano qualche giorno prima di non partecipare all’evento. In questo modo, oltre ad aiutare maggiormente gli organizzatori a trovare per tempo una sala sufficientemente capiente, se necessario, le preiscrizioni ben fatte possono servire ad avvisare i giocatori in lista d’attesa della loro probabilità di partecipare. (per esempio, anche una mail la sera prima del torneo con scritto “Quattro squadre hanno annullato la preiscrizione; voi siete ora secondi in lista d’attesa” può essere un ottimo servizio per i giocatori) Iscrizioni e costruzione dei mazzi Per velocizzare il processo di iscrizione delle squadre, è stato scelto di segnare inizialmente solo il nome delle squadre; per quanto riguarda i nomi dei giocatori e i numeri DCI, insieme al materiale di gioco è stato dato a ogni squadra un foglio con le informazioni di base sul torneo e con l’indicazione dei dati necessari per terminare l’iscrizione delle squadre. Dopo dieci minuti dall’inizio della costruzione dei mazzi, sono stati ritirati questi foglietti con tutte le informazioni necessarie e le masterlist (i mazzi erano già listati) e i rimanenti 50 minuti sono stati utilizzati dallo scorekeeper per inserire tutti i dati nel reporter, senza rallentare il torneo. La costruzione dei mazzi ha portato a un risultato per me sorprendente: tutte le 39 squadre hanno terminato di costruire e listare in tempo e solo due liste su 117 giocatori contenevano 39 carte (la penalità è stata Game Loss, in base alle nuove Penalty Guidelines, rese pubbliche pochi giorni prima); il numero di penalità per problemi di lista e di ritardo sono notevolmente diminuiti ai PTQ italiani, rispetto a due anni fa; secondo me, questo fatto è da considerare come uno dei segni che anche il livello dell’arbitraggio è migliorato, sia ai PTQ che,soprattutto, a livello locale. Cosa si può fare di meglio? Le iscrizioni sono state il momento che ha fatto perdere più tempo nel torneo, in quanto è stato scelto di attendere le poche squadre che avevano telefonato per avvisare del ritardo (10-15 minuti) e di scrivere i nomi delle squadre su carta inizialmente, per inserirle tutte nel Reporter solo al termine delle iscrizioni (10 minuti). Un miglioramento per i prossimi PTQ a numero chiuso potrà essere di chiudere le iscrizioni per i giocatori regolarmente preiscritti alle 9:45 (cioè un quarto d’ora prima dell’inizio previsto del torneo), iscrivendo i giocatori in lista d’attesa nel rimanente quarto d’ora e appendendo i seatings per la costruzione dei mazzi alle dieci in punto. Il torneo 39 squadre,costruzione dei mazzi, sette turni, semifinali, rochester draft, finale, cosa dire di più? Le infrazioni e i principali problemi? Tutto il torneo si è svolto con regolarità e serenità, con rari episodi: Solo una penalità per Tardiness, per una squadra che ha smarrito la strada, ritornando dal bar dove ha pranzato, vicino alla sala torneo. Due penalità per coaching, dovute all’ingenuità dei giocatori coinvolti (e non alla malafede), i quali non erano abituati all’ambiente agonistico dei PTQ e hanno corretto due situazioni di gioco, dando un involontario consiglio strategico. Una situazione dubbia è stata creata da un Frostwielder, uno dei cui danni diretti all’avversario ha deciso un intero incontro; un giocatore controlla il foglietto dove segna i punti vita di entrambi e dice che, due turni prima, non aveva segnato un danno di Frostwielder fatto alla fine del turno dell’avversario (questo punto vita risulterà poi decidere l’incontro); dato che entrambi i giocatori segnavano i punti vita e dato che l’andamento dei punti vita segnati dai giocatori era identico, gli arbitri coinvolti hanno deciso di non modificare l’andamento della partita e non hanno permesso il danno del Frostwielder, il quale non era stato segnato da nessuno dei due giocatori. Dopo un deckcheck, un mazzo è stato riconsegnato a faccia in su (mai, assolutamente mai deve essere fatto in questo modo), mostrando fortunatamente una carta non significativa (uno Zubera verde). La maggior parte delle situazioni potenzialmente delicate sono state prevenute, grazie alle ottime abitudini che i giocatori dei PTQ italiani stanno acquisendo, in particolare quella di chiedere agli arbitri prima di trovarsi in una situazione dubbia. Situazioni interessanti di regole? Eccole! Kiki-Jiki e Brutal Deceiver Un giocatore utilizza l’abilità del Brutal Deceiver, rivela una terra e lo trasforma da 2/2 a 3/2 first strike; successivamente copia questa creatura grazie all’abilità di Kiki-Jiki; che caratteristiche ha la pedina creatura che viene messa in gioco? La pedina creatura è un “semplice” 2/2 , in quanto i valori copiabili di forza e costituzione sono quelli stampati sulla carta e non le attuali forza e costituzione della creatura. Devouring Greed e Uyo Una magia in pila con costi addizionali (nel nostro caso Devouring Greed) viene copiata dall’abilità di Uyo; la copia della magia tiene conto degli spiriti sacrificati per pagare il costo della magia originale? Si possono sacrificare altri spiriti? L’abilità di Uyo mette in pila una copia della magia, la quale non viene quindi giocata (diversamente dalle magie impresse sull’Isochron Scepter, che vengono copiate e giocate), quindi tutte le scelte che verrebbero fatte in dichiarazione della magia non possono essere fatte (tra queste scelte,c’è la possibilità di sacrificare spiriti come costo addizionale). Inoltre, la copia della magia tiene traccia degli spiriti sacrificati per giocare la magia originale, in quanto una copia tiene traccia di tutte le scelte effettuate quando è stata giocata la magia originale. Abilità innescate con condizione? Un giocatore controlla un Nezumi Graverobber ruotato e cinque terre. Alla fine del turno dell’avversario, usa l’abilità del Nezumi Graverobber per mettere in gioco sotto il suo controllo un Painwracker Oni; all’inizio del proprio turno, in risposta all’abilità innescata del Painwracker Oni, sa di nuovo l’abilità del Nezumi Graverobber per mettere in gioco sotto il suo controllo un Ogre. Deve essere effettuato il sacrificio di una creatura? No, perché la condizione dell’abilità innescata del Painwracker Oni viene controllata in risoluzione (e solo in risoluzione); dato che il giocatore controlla un Ogre, non dovrà sacrificare nessuna creatura. Immaginiamo ora una situazione invertita: il giocatore controlla un Painwracker Oni e un Ogre; all’inizio del turno, l’avversario distrugge l’Ogre, obbligando così il giocatore a sacrificare una creatura; questa giocata è possibile perché l’abilità innescata del Painwracker Oni controlla la condizione solo in risoluzione, in quanto la condizione è posta alla fine della frase e non immediatamente successiva all’evento innescante. Se l’abilità fosse stata scritta “All’inizio del tuo mantenimento, se non controlli un Ogre sacrifica una creatura”, il controllo della condizione verrebbe effettuato anche nel momento in cui l’abilità va in pila (e in questo caso l’abilità non andrebbe in pila). Cosa si può fare di meglio? Per prevenire i ritardi dei giocatori che si allontanano dalla sala torneo per il pranzo, si possono appendere (davanti alla judge station, sulla porta di uscita o di fianco ai pairings) gli orari di fine turno e di previsto inizio del turno successivo; in questo modo, tutti i giocatori sono in grado di utilizzare al meglio le loro pause e per essere sempre di ritorno al momento giusto. Per diminuire ancor di più i casi di coaching involontario e i fraintendimenti tra i giocatori, ogni arbitro, in ogni torneo, deve essere attento a ogni aspetto del gioco (dalla conoscenza delle regole al segnare i punti vita, dai metodi per mescolare alle parole che si usano in partita), sempre disponibile ad aiutare i giocatori, dando loro consigli in maniera spontanea, senza attendere una loro domanda. Oltre a questo, diffondere queste idee e queste testimonianze su Internet (mailing list degli arbitri,mailing list dei giocatori, sito degli arbitri) è sicuramente un ottimo aiuto per i tornei futuri. Spero che la lettura di questo report possa esservi utile per la vostra attività arbitrale. Per approfondimenti, confronti o consigli, scrivetemi a riccardotex@hotmail.com Riccardo Tessitori, Italy, L3 I testi delle carte Frostwielder 2RR Creature - Human Shaman 1/2 T: Frostwielder deals 1 damage to target creature or player. If a creature dealt damage by Frostwielder this turn would be put into a graveyard, remove it from the game instead. Kiki-Jiki, Mirror Breaker 2RRR Legendary Creature - Goblin Shaman 2/2 Haste T: Put a creature token into play that's a copy of target nonlegendary creature you control. That creature token has haste. Sacrifice it at end of turn. Brutal Deceiver 2R Creature - Spirit 2/2 1: Look at the top card of your library. 2: Reveal the top card of your library. If it's a land, Brutal Deceiver gets +1/+0 and gains first strike until end of turn. Play this ability only once each turn. Devouring Greed 2BB Sorcery - Arcane As an additional cost to play Devouring Greed, you may sacrifice any number of Spirits. Target player loses 2 life plus 2 life for each Spirit sacrificed this way. You gain that much life. Uyo, Silent Prophet 4UU Legendary Creature - Moonfolk Wizard 4/4 Flying 2, Return two lands you control to their owner's hand: Copy target instant or sorcery spell. You may choose new targets for the copy. Nezumi Graverobber 1B Creature - Rat Rogue 2/1 1B: Remove target card in an opponent's graveyard from the game. If no cards are in that graveyard, flip Nezumi Graverobber. ----- Nighteyes the Desecrator Legendary Creature - Rat Wizard 4/2 4B: Put target creature card in a graveyard into play under your control. Painwracker Oni 3BB Creature - Demon Spirit 5/4 Fear At the beginning of your upkeep, sacrifice a creature if you don't control an Ogre.