Articoli
Attenzione: questo articolo è stato scritto oltre 1 anno fa! Alcuni contenuti potrebbero essere obsoleti.
Report 2010 - PTQ San Juan - Roma
Articolo del 12-2-2010 a cura di Scialpi Francesco
Scialpi Francesco

Report PTQ Roma San Juan del 10 febbraio.
 
Staff:
Francesco Scialpi L2 HJ
Riccardo Tessitori L5 EJ
Daniele Murtas L1 FJ
Vuk Gavrilovic L1 FJ
William Tiddi L0 FJ volontario
 
Organizzatore: Galactus
 
139 preiscritti, 128 giocatori effettivi.
I sette turni di svizzera iniziano alle 10.35 e finiscono alle 18.30, con venti minuti di pausa pranzo. I top8 terminano alle 21.20. Si qualifica Samuele Estratti con Scapeshift, battendo in finale Giuseppe Reale con Thopter.
 
Tre penalità per Illegal decklist, di cui due per "less than 60 cards", mentre il terzo giocava City of Brass, che non fa parte del formato.
 
Situazioni particolari:
1) Un ragazzo viene osservato mescolare il proprio mazzo tenendo le carte rivolte a sé. Lo prendo in disparte (lui "oddio, cos'ho fatto?"), gli chiedo di mischiare, e mischia senza ripetere lo strano comportamento. Gli dico che é stato osservato mischiare guardando le carte, e nega. Mi sembra confuso. Mi consulto anche con Tex, e considero che non ha precedenti, né una cattiva fama ecc. ecc. Decido per Insufficient Randomization - game loss, più discorso che ti fa prendere una fifa del diavolo ("Lo sai che la gente viene sospesa per sei mesi per queste cose?").
 
2) Giocatore A, attorno al quarto turno della partita, gioca Ancestral Vision mettendo tre segnalini anziché quattro, poi cala Jitte, poi mette il quarto segnalino. A sostiene che ha solo giocato in fretta e in maniera un po' disordinata. L'avversario B dice che invece A ha giocato Ancestral mettendo tre segnalini, B ha girato la carta per controllare quanti segnalini suspend vanno messi, e A ha messo il quarto segnalino in reazione al suo leggere la carta, ma in realtà ci voleva provare. Investigation, varie circostanze mi portano a credere che A abbia effettivamente "giocato veloce" e basta, warning per GRV.
 
3) Alla fine del sesto turno, giocatore D viene alla judge station e mi dice: "Se ti racconto una cosa, mi prometti che non prendi provvedimenti?"
Io: "...No, non te lo posso promettere. Cos'é successo?"
Mi racconta che durante il quinto turno, il suo avversario E ha giocato Vendilion Clique, e ha scelto una carta. D, non conoscendo il funzionamento della Clique, si é limitato a scartare la carta indicata, anziché metterla sotto e pescare. E non dice niente, ma alla fine della partita rivela a D che l'abilità della Clique funziona così e cosà. D dice che non ha chiamato subito un arbitro, al 90% perché "non volevo fare la merda" e al 10% perché non sapeva che tipo di penalità ci fosse (un semplice warning non avrebbe cambiato granché).
Parliamo anche con Tex, spieghiamo a D che é un caso di "blatant cheating", e che se avesse chiamato un arbitro ci sarebbe stata una DQ immediata.
Cerchiamo anche di trasmettergli l'idea che "coprire" un giocatore truffaldino può sembrare la cosa giusta da fare ma non lo é affatto.
D si convince abbastanza facilmente a scrivere una semplice dichiarazione, con la quale farò partire un provvedimento.
 
4) Giocatore F gioca dredge. Mi chiede "se io dichiaro che voglio fare dredge, e l'avversario in risposta mi rimuove il cimitero, che succede?"
Gli rispondo che dredge non va in pila, dunque non si può rispondere.
F stappa e dice "vorrei dredgeare". L'avversario G risponde "penso".
Scaturisce un po' un trambusto.
E' chiaro che G ha diritto a tornare nel mantenimento di F e a fare qualcosa durante il mantenimento.
F ha dichiarato che sostituiva la pescata di turno con dredge. Avrebbe potuto dire "pesco?" (da intendersi come "posso andare nel draw step?"), e se l'avversario gli avesse detto di sì, avrebbe potuto dredgeare.
 
Due quiz:
1) Macchina di giocatori in ritardo, telefonano e vengono iscritti, arrivano pochi minuti dopo che é stato dato il via al primo turno.
Uno di questi ragazzi non ha neppure la lista pronta. Che penalità date in quest'ultimo caso?
 
2) Giocatore C conosce la prima carta del proprio mazzo (l'avversario gioca Goblin Guide), e in particolare sa che in cima al mazzo c'é una Echoing Truth. Nel proprio turno, gioca Peer Through Depths, dichiarando esplicitamente che lo fa nella propria main phase.
Gira cinque carte, tra queste c'é Echoing Truth. Guarda in mano, Echoing Truth non c'é. Il giocatore conclude che non ha pescato di turno, e chiama il judge.
Non c'é disaccordo tra i giocatori. Come fixate questa situazione?